Lug200920

fanatic_newwave_twin_10

Misure 234 / 57,5 / 86 lt./ 6,0 Kg*

Range (4.2-6.2)
Costruzione: Carbon Kevlar Sandwich Light Finish
Pinne: G10 Fins 2×16,5cm US Box

Quest’anno Fanatic rinnova la riuscitissima serie Twin proponendo una misura in più, il 93 litri, e aumentando leggermente le due misure intermedie portanto il 78 del 2009 a 79 litri e l’84 a 86 litri.La misura più piccola, il 72, resta invariata nel volume anche per il 2010. I Twinsers anche quest’anno sono disponibili esclusivamente nella preziosa e robusta costruzione Team Edition.L’accattivante costruzione Team Edition viene proposta con uno strato carbon kevlar a vista con una trama leggermente più larga rispetto al 2009. Identica invece la finitura bianca “light finish” volutamente incerta quest’anno arricchita dalla contrapposizione di una grafica viola molto d’effetto.Lo shape sebbene apparentemente appaia molto simile a quello del 2009 presenta delle modifiche sostanziali in carena. Lo scoop rocker è aumentato notevolmente per rendere la tavola ancora più duttile tra le onde. Per quanto riguarda la carena il biconcavo è stato ridotto notevolmente al fine di avere maggiore controllo ad alta velocità e nelle onde più grandi.A poppa la rinnovata sezione concava conferisce alla tavola un anticipo nella planata ed una maggiore velocità. Le scasse delle pinnette quest’anno risultano in posizione leggermente più avanzata rispetto al modello 2009.La poppa, di tipo pintail sempre decisamente “tirata” con i bordi sottili ed affilati, appare leggermente più larga al fine di conferire alla tavola maggiore spunto con il vento leggero. Le pinne di lunghezza 16,5 in G-10 sono state sviluppate “ad hoc” dalla Maui Fin Company con Victor Fernandez. Io personalmente utilizzo le Maui Ultra Fins X-twin 16,5 di cui ho anche realizzato una recensione. Di alto livello, come sempre, gli accessori in dotazione: le strap sono di ottima qualità e molto pratiche da regolare e i pads, per qualcuno rigidi, risultano molto funzionali.

Prova in acqua
Dopo un anno trascorso con la “prima serie” twin prodotta da Fanatic, quest’anno, in conseguenza delle enormi soddisfazioni avute con i modelli precedenti, ho deciso di replicare, prendendo nuovamente sia il 72 che l”86.
Questo test sintetizza le impressioni dopo aver provato la tavola nelle condizioni Italiane classiche che nell’ultimo mese si sono avvicendate nei nostri mari.
Dal side-on di Marina di Chieuti (CB), al side puro di Case del Conte (SA) fino al side-off con vento al limite di Termoli (CB).
Le misure dichiarate non lasciano trasparire il sostanziale cambiamento che è stato apportato a questa seconda serie invece, non appena si mette piede sulla coperta, la tavola appare molto più stabile del modello precedente; sensazione che si prova anche in andatura dove oltre ad essere più bilanciata risulta anche più “friendly” e prevedibile.
E’ impressionante quanto le modifiche di quest’anno abbiano migliorato le doti di planata rendendola di gran lunga più planante anche rispetto a freewave con litraggi notevolmente superiori. Confrontata con un freewave 100 litri 2010 di un altro brand quest’ultimo, nelle diverse condizioni è stato sempre inesorabilmente battuto.
La distribuzione generale del volume, l’accrescimento che ha subito la poppa unito alla riduzione del biconcavo, che l’anno scorso appariva a dir poco smisurato, hanno conferito alla tavola un atteggiamento più controllato, meno nervoso del modello precedente senza però pregiudicare quel temperamento e quella manovrabilità che a parer mio risultano sempre eccellenti ma coadiuvati da un pizzico di sicurezza in più.
Infatti, sia il maggiore scoop-rocker che il minor biconcavo hanno reso la tavola molto più stabile in surfata consentendo di osare maggiormente con una buona dose di sicurezza e velocità.
E’ possibile ridurre drasticamente il raggio dei bottom-turn riuscendo ed adeguare le traiettorie
in relazione alla conformazione dell’onda senza mai perdere velocità e controllo.Le pinne e i rails lavorano sempre incidendo la parete dell’onda senza alcuna incertezza.
La pressione dei piedi viene subito acquisita e trasformata in velocità. Sia in condizioni on-shore che in condizioni side e side-off con vento al limite la tavola ha sempre dato quello spunto necessario per planare rapidamente acquisendo in pochi metri la velocità necessatia per poter portare a termine le surfate impostate. Nei salti lo shape compatto consente il massimo controllo aereo.

Conclusione
Le risorse impiegate da Fanatic con i continui test per il progetto “twin” hanno dato i loro frutti migliorando ulteriormente un prodotto già al top.
La tavola di quest’anno ancor più si addice a rider in cerca di emozioni che potranno certamente provare anche surfandosi i “moscioni” nostrani con una giusta dose di radicalità che questa tavola concede.
Chiaramente nelle sue condizioni la tavola si esprime al massimo ma è anche vero che quando le condizioni sono perfette è più facile divertirsi.

Paolo De Angelis
windspirit staff